Sottoattraversamento del fiume Isarco

Brenner Base Tunnel

Una sfida ingegneristica che PINI Group affronta nell’ambito del progetto della galleria ferroviaria sotterranea più lunga al mondo.

All’estremità sud della galleria di Base del Brennero all’incontro con l’attuale linea di montagna, il nuovo tracciato deve sottoattraversare in uno spazio ridotto l’autostrada, la strada statale ed il fiume Isarco.

Vi si trovano così tutte le particolarità del genio civile: terreno sciolto, copertura ridotta, opere in falda ed il fiume che attraversa il cantiere. Si devono quindi applicare metodi di costruzione complessi come il Jet-Grouting – cioè l’iniezione di boiacca cementizia nel terreno per consolidarlo e facilitare lo scavo – ed il “congelamento”.

Quest’ultimo è stato scelto in alternativa allo spostamento del fiume, che avrebbe comportato un impatto ambientale inaccettabile. Il fronte di scavo con il congelamento si raggiunge tramite pozzi di diametro 60–80m, profondi 30m. Sul fondo avviene l’iniezione di azoto liquido nel materiale sciolto impregnato dalla falda. Così congela e rende possibile l’avanzamento con lo scavo in sotterraneo usuale. Gettato l’anello in calcestruzzo, viene poi posata l’impermeabilizzazione. La Pini Italia opera come Direzione locale dei lavori.

In partnership con Italferr e hbpm Ingegneri

Data: 19.10.2020

Contenuti correlati

Articolo LeStrade

Contenuti correlati

Articolo LeStrade